albero che parla

La proposta “L’albero che parla”

“L’albero che parla”  racchiude diversi percorsi appositamente studiati per approfondire particolari tematiche di interesse degli educatori e degli studenti, adattabili alle diverse fasce di età.

Ogni percorso prevede una fase preparatoria con attività da svolgere in classe e un incontro con un tutor (referente di rete che introduce allo svolgimento vero e proprio del percorso in azienda o fattoria didattica). In diversi percorsi si prevede inoltre un’attività specifica da svolgere a seguire l’incontro avvenuto nell’azienda ospitante.

Si concorderà la durata della tappa che può prevedere il soggiorno nell’azienda o fattoria didattica con 3 fasce di orario ( 9,00 – 12,30; 9,00 – 14,00; 9,00 – 16,00) comprensivo di merenda ed accompagnamento da parte di operatori adeguatamente formati. In alcune delle aziende aderenti, a richiesta, potrà essere servito il pranzo.

 

Il  metodo

Il metodo condiviso a tutti i percorsi fa capo alla “pedagogia attiva”.

La modalità di approccio al reale proposta è l’esplorazione con una particolare attenzione alle proprie radici.

Gli ospiti in cammino incontreranno esperienze che solleciteranno l’apprendimento attraverso l’uso sinergico ed emozionale di tutti i sensi. Questa metodologia di approccio alla conoscenza inoltre favorisce l’interazione all’interno del gruppo, il rispetto delle individualità e il gioco. In molte delle tappe sono previsti laboratori e attività di approfondimento e verifica del tema prescelto.

Percorso   OBIETTIVI  AZIENDA ospitante  DESTINATARI  Approfondimenti
“Natura amica amica naturA”
Il percorso proposto intende sensibilizzare i partecipanti sulle problematiche connesse alla necessità di ritrovare un rapporto armonico con la natura. L’economie rurali sono state per generazioni maestre di approcci rispettosi della natura sulla base dei principi dell’economia circolare e della permacoltura. L’economia capitalista con la divinizzazione della logica del profitto e del consumo hanno invaso anche i territori rurali e le loro economie imponendo le logiche tipiche dell’economia lineare.
1) Conoscere le cause scatenanti il passaggio da un’economia circolare ad un economia lineare in agricoltura, risorsa economica predominante in territori rurali;
2) Indicare gli interventi attuabili in agricoltura per il ripristino di un’economia circolare;
3) Individuare quale interventi è possibile attuare in sinergia con altri settori produttivi;
4) Rafforzare la presa di coscienza che il futuro del nostro pianeta è nelle nostre mani.
Azienda Agricola Arena Giuseppe
(Ramacca – CT)
Studenti scuole primarie (3/4/5 elementare) e scuole secondarie di primo grado (1/2/3 media). Numero massimo partecipanti 50 studenti.

SCARICA PDF

“Viva la biodiversità”
Il percorso proposto intende sensibilizzare i partecipanti sulle problematiche connesse alla perdita di biodiversità. Tutte le aree rurali sono state interessate dall’impoverimento del patrimonio di variabilità genetica e animale fenomeno accelerato dal riscaldamento globale, dagli interessi delle multinazionali interessate alla vendita del materiale genetico, da alcune tecniche colturali. Vanno individuate azioni di salvaguardia della biodiversità e aiutati gli agricoltori custodi.
1) Approfondire la valenza ecologica della biodiversità;
2) Conoscere le cause scatenanti la perdita di biodiversità;
3) Indicare gli interventi attuabili in agricoltura e nei contesti rurali per la salvaguardia della biodiversità;
4) Rafforzare la presa di coscienza che il futuro del nostro pianeta è nelle nostre mani.
Azienda Agricola Arena Giuseppe
(Ramacca – CT)
Studenti scuole primarie (3/4/5 elementare) e scuole secondarie di primo grado (1/2/3 media). Numero massimo partecipanti 50 studenti.

SCARICA PDF

“Passeggiando per i campi”
Il percorso proposto intende introdurre i partecipanti alla conoscenza delle piante officinali, aromatiche, mangerecce spontanee e coloranti che caratterizzano il territorio calatino.
1) Riconoscimento piante e conoscerne proprietà e benefici;
2) Conoscere gli attrezzi e le tecniche colturali praticate dall’agricoltore in azienda;
3) Lo stato vegetativo delle colture nelle diverse stagioni;
4) L’impatto ambientale dell’agricoltura;
5) Incrementare la conoscenza delle tradizioni e della cultura di comunità rurali.
Agricola&co Casagricola (Grammichele – CT) Studenti scuole primarie e scuole secondarie di primo grado. Numero massimo partecipanti 50 studenti.

SCARICA PDF

“da Occhiolà a Grammichele”
Il percorso proposto intende sensibilizzare i partecipanti sulle problematiche connesse alla vita nelle comunità rurali spesso caratterizzata dalla necessità di affrontare gravi calamità. Il terremoto dell’11 gennaio del 1693 apri una ferita dolorosa e profonda nella Sicilia orientale. Dalle ceneri di Occhiolà nasce Grammichele ancor oggi splendida testimonianza della forte tempra del popolo siciliano.
1) Conoscere la storia del territorio calatino;
2) Conoscere gli effetti delle calamità naturali sull’ambiente urbano e rurale;
3) Sensibilizzare sulla durezza del lavoro dei campi;
4) Riconoscere che l’agricoltura tra tutti i settori produttivi è quello più esposto alle calamità;
5) Attuare misure e comportamenti per prevenire le calamità
6) Rafforzare la presa di coscienza che il futuro del nostro pianeta è nelle nostre mani
Agricola&co Casagricola (Grammichele – CT) Studenti scuole primarie (3/4/5 elementare) e scuole secondarie di primo grado (1/2/3 media). Numero massimo partecipanti 50 studenti

SCARICA PDF

“Un giorno da allevatore”
Il percorso proposto intende introdurre i partecipanti alla vita dell’allevatore nei campi, nella stalla e nel contesto rurale di appartenenza.

1) Conoscere gli animali da allevamento: razze, età, temperamento, loro fabbisogni;
2) Effettuare le attività giornaliere proprie di un allevatore;
3) Conoscere attrezzi e tecniche necessarie per il loro accudimento;
4) Approfondire il loro ruolo nell’ecosistema;
5) Incrementare la conoscenza delle tradizioni e della cultura di comunità rurali.
Il Giardino del Sole (Carlentini – SR) Studenti scuole primarie e scuole secondarie di primo grado. Numero massimo partecipanti 50 studenti.

SCARICA PDF

“Un giorno da contadino”
con il percorso proposto si intende introdurre i partecipanti alla vita del contadino sia nei campi che nel contesto rurale di appartenenza.
1) Conoscere gli attrezzi e le tecniche colturali praticate dall’agricoltore in azienda;
2) Lo stato vegetativo delle colture nelle diverse stagioni;
3) L’impatto ambientale dell’agricoltura;
4) Incrementare la conoscenza delle tradizioni e della cultura di comunità rurali.
Il Giardino del Sole (Carlentini – SR) Studenti scuole primarie e scuole secondarie di primo grado. Numero massimo partecipanti 50.

SCARICA PDF

“Maccu e sardi a beccaficu”
con il percorso proposto si intende avvicinare i partecipanti alla conoscenza della cucina tipica rurale siciliana: ingredienti, preparazioni ed abbinamenti, aneddoti e diverse interpretazioni.
1) Conoscere cultura e tradizioni gastronomiche delle popolo siciliano;
2) Approfondire la genesi dei più tipici piatti della cucina tradizionale popolare siciliana;
3) Conoscere gli alimenti, le proprietà e il loro impatto ambientale;
4) Verificare quanto della ns alimentazione fa capo ai principi della dieta mediterranea.
 Agriturismo Marino (Giardini Naxos – ME) Studenti scuole primarie (3^,4^ e 5^ elementare) e secondarie di primo grado. Numero massimo partecipanti: 50 studenti.

SCARICA PDF

“TeatriAmo”
con il percorso proposto si intende avvicinare i partecipanti alla conoscenza della storia di teatro siciliano e delle nuove forme di trasmissione del sapere e della riflessione critica per grandi e piccini.
1) Conoscere cultura e tradizioni del popolo siciliano;
2) Approfondire la conoscenza della lingua siciliana e dei suoi dialetti;
3) Approfondire la genesi delle più tipiche e antiche tradizioni artistiche popolari;
4) Entrare in confronto critico con valori e credenze popolari;
5) Conoscere le nuove forme “teatrali” di educazione della persona.
 Agriturismo Marino (Giardini Naxos – ME) Studenti scuole primarie (3^,4^ e 5^ elementare) e secondarie di primo grado. Numero massimo partecipanti: 50 studenti.

SCARICA PDF

“Alla ricerca del Pirosseno”
con il percorso proposto si intende avvicinare i partecipanti alla conoscenza del territorio rurale etneo, delle cultura e delle colture che ne caratterizzano il contesto.
1) Conoscere le colture agrarie del territorio;
2) Conoscere cultura e tradizioni delle popolazioni rurali del territorio etneo;
3) Approfondire la genesi delle grotte di scorrimento lavico: Etna-mamma o matrigna – ‘quannu scassa a muntagna’;
4) Conoscere la vegetazione, gli animali autoctoni, e il loro ruolo.
Il Pirosseno
(Pisano-Zafferana Etnea – CT)
Studenti scuole primarie e secondarie di primo grado. Numero massimo partecipanti 50 studenti.

SCARICA PDF

“Ciuri Ciuri”
con il percorso proposto si intende avvicinare i partecipanti alla conoscenza delle tradizioni artistiche siciliane espressioni di valori e saggezza popolare.
1) Conoscere cultura e tradizioni del popolo siciliano;
2) Approfondire la conoscenza della lingua siciliana e dei suoi dialetti;
3) Approfondire la genesi delle più tipiche e antiche tradizioni artistiche popolari e coglierne usi e significati;
4) Entrare in confronto critico con valori e credenze popolari.
Il Pirosseno
(Pisano-Zafferana Etnea – CT)
Studenti scuole primarie e secondarie di primo grado. Numero massimo partecipanti 50 studenti.

SCARICA PDF

“cerAmica”
con il percorso proposto si intende avvicinare i partecipanti alla conoscenza e l’impiego dei prodotti derivanti dalla cottura e lavorazione dell’argilla che da millenni hanno accompagnato la vita di tutti i giorni nelle aree rurali.
1) Conoscere la materia prima e le sue peculiari proprietà
2) Apprenderne le tecniche di lavorazione
3) Individuare gli usi in un’ampia rassegna di oggetti che incontreranno nel percorso proposto
4) L’impatto ambientale della loro produzione e del loro smaltimento (economia circolare).
Tenuta Serravalle
(Mineo – CT)
Studenti scuole primarie (3/4/5 elementare) e scuole secondarie di primo grado (1/2/3 media). Numero massimo partecipanti 50 studenti.

SCARICA PDF

“Scurpiddu”
con il percorso proposto si intende avvicinare i partecipanti alla conoscenza del territorio rurale calatino, della cultura e colture che caratterizzano i contesti rurali.
1) Conoscere le colture agrarie del territorio;
2) Conoscere Cultura e tradizioni delle popolazioni rurali del territorio calatino;
3) Ammirare i paesaggi;
4) Verificare l’impatto ambientale della attività umane nel territorio.
Tenuta Serravalle
(Mineo – CT)
Studenti scuole primarie e secondarie di primo grado. Numero massimo partecipanti 50 studenti.

SCARICA PDF

“La pianta del futuro, il ficodindia”
con il percorso proposto si intende sensibilizzare i partecipanti sulle problematiche connesse ai cambiamenti climatici e le prospettive di diffusione di colture e tecniche adatte a paesi aridi o semi aridi.
1) Conoscere le cause scatenanti i cambiamenti climatici
2) Conoscere la pianta del Ficodindia (elementi di botanica, tecniche colturali, i prodotti e il loro impiego) e valutazione dell’impatto ambientale a confronto con altre coltivazioni siciliane
3) Imparare a produrre dei beni alimentari e non dal ficodindia
4) Rafforzare la presa di coscienza che il futuro del nostro pianeta è nelle nostre mani
.
Monte Bubbonia
(Mazzarino – CL)
Studenti scuole primarie (3/4/5 elementare) e scuole secondarie di primo grado (1/2/3 media). Numero massimo partecipanti 50 studenti.

SCARICA PDF